sabato 11 agosto 2012

Schwazer? cattivo!... gli altri? la Banda degli Onesti!!!

LONDRA, GRAN BRETAGNA, ITALIA, MONDO - Questa identificazione territoriale vasta, vuole sottolineare un vecchio detto: tutto il mondo è paese. Sappiamo tutti cosa è successo in questi giorni alle Olimpiadi: qualcosa di grave, un atleta che ha imbrogliato facendo uso di doping nella manifestazione che dovrebbe essere l'espressione più alta e dignitosa dello sport. Ha sbagliato, lo ha ammesso, non si è sottratto ad un'ispezione antidoping pur sapendo ciò a cui andava incontro, è stato sospeso a tempo indeterminato dall'Arma dei Carabinieri... cosa doveva succedere di più?! Ah, già... la gogna mediatica portata avanti da perbenisti ignobili e che, nel momento in cui giudicano concedendosi la Divina prerogativa del giudizio-supplizio-perdono-condanna, si rendono sgradevolmente antipatici. Dopatori di notizie.. ecco cosa siete. Io però mi domando... Perchè a Schwazer gogna, ma ad altri no? Capisco lo sfogo dell'ex allenatore dell'atleta altoatesina, le critiche di chi ha vissuto al suo fianco giorno dopo giorno, non comprendo gli altri (vedi Zomegnan che dall'alto del proprio blog inglobato nel sito della Gazzetta dello Sport ha pubblicato un articolo che, in alcune sue parti -IGNOBILE L'ATTACCO A BRAGAGNA- è sembrato incomprensibile) che si riempiono la bocca e la penna con frasi fatte e inutili commenti che lasciano trasparire il bisogno quasi compulsivo di parlare e straparlare di argomenti di cui non sanno.
Zomegnan, ex direttore del Giro d'Italia, (che invece sull'argomento è preparato in quanto lo ha combattuto nel proprio settore, il ciclismo, con grandi risultati) ha toppato completamente l'articolo. Attaccare Bragagna per una cosa non detta (mai espressa l'equazione ciclismo=doping) e per una gaffe subito rientrata perchè il giornalista di Raisport ha rettificato chiedendo scusa, non è una cosa da Zomegnan. Articolo iniziato con un episodio che con l'equazione Schwazer=doping (per dirla alla Zomegnan) non centrava nulla, però l'ha voluto inserire per dimostrare che ha le  credenziali per parlarne in quanto ha visto il protagonista di questa storia... e poco importa che non ci abbia mai parlato o lo abbia visto solo da 150 metri di distanza mentre guardava una gara di ciclismo assieme alla sua fidanzata (Karolina Kostner, pattinatrice)... episodio clamorosamente dopante, o che lascia già intendere quanto sarebbe successo. Ho sempre seguito il ciclismo e rispettato Zomegnan, ma non condivido questo sparare alla cieca nel mucchio per difendere il movimento sportivo al quale si appartiene. Ciclismo e atletica sono altissima espressione sportiva, ma la competizione e l'eccessiva ansia da prestazione fanno commettere errori, sia lievi che gravissimi. Tutto questo però non giustifica la gogna mediatica, per nessuno. Chi commette un errore deve avere anche la tranquillità per affrontare le proprie responsabilità e pagarne il giusto prezzo... la gogna non rientra tra questi!!!

2 commenti:

  1. leggendo il blog di Zomegnan mi sono accorto della polemica con Bragagna e l'ho trovata inspiegabile: non capivo come un bravo giornalista come Zomegnan potesse attaccar in quel modo un altrettanto stimato e capace telecronista della RAI. Ho seguito la telecronaca RAI di Bragagna il giorno seguente la notizia di Schwazer e non mi era sembrato che facesse alcun riferimento al ciclismo=doping, nè alcuna cosa del genere. Certo credo sia normale che trattando quell'argomento possa venire fuori la parola "ciclismo" ma niente di più. Mi era solo sembrato (e questa è solo una mia idea) un po' troppo paternalista nei confronti dell'atleta dicendo di sentirsi personalmente tradito e offeso, però che ne sai magari Bragagna ha veramente uno stretto rapporto con Schwazer. In ogni caso mi sono imbattuto in questo blog che mi ha chiarito un po' le idee e confermato la mia teoria sull'inspiegabilità di questa diatriba e ti ringrazio.
    Così la butto lì, provando a dire qualcosa senza sapere nulla dei fatti (tanto io non sono un giornalista, ma mi piace fare gossip), per me fra Bragagna e Zomegnan c'è stato qualche screzio in passato che a noi non è dato sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se c'è stato qualche screzio in passato tra i due, ma come hai detto tu.. a noi non è dato sapere... Una cosa è certa: Zomegnan ha sbagliato. In più io penso che Bragagna avesse un rapporto abbastanza stretto con Schwazer e che il suo sfogo in diretta fosse espressione di un sincero dispiacere.

      Elimina